Archivio di agosto 2009

La postura della mano

mercoledì, 19 agosto 2009

Nell’osservazione della mano e nell’interpretazione dei suoi segni conviene cominciare da uno dei primi aspetti che si rendono evidenti nella mano, cioè dalla sua postura.
Tanto si è già scritto sul linguaggio del corpo e sui gesti dell’uomo, sulle tante espressioni non verbali di chi abbiamo vicino e che spesso, fuori dalla sua e nostra consapevolezza, ci comunica importanti aspetti di sé.
La chirologia osserva la postura della mano, la sua posizione abituale o frequente, la sua mobilità ed espressività.
La stretta di mano comunica parecchi aspetti del carattere di chi ce la dà e del suo rapporto con noi, il vigore ed il calore che esprime o la sua mollezza e passività, la fugacità o viceversa il leggero indugio nel contatto.
La posizione abituale della mano, con la maggiore o minore apertura delle dita e in particolare del pollice in posizione di riposo, offre pure importanti indicazioni.
Quello su cui voglio ora soffermarmi è una particolare posizione della mano che, pur senza essere in genere una posizione abituale, viene assunta numerose volte nel corso della giornata: si tratta della mano chiusa a pugno.
(altro…)

Una ricerca sulla lettura della mano

martedì, 4 agosto 2009

Anni fa, nell’ormai lontano 2001, avevo realizzato un sistema per l’interpretazione automatica della forma della mano, che da allora ha fornito un responso a più di quarantamila persone, rimanendo sostanzialmente immutato, anche se con qualche aggiornamento per renderne più chiaro e intuitivo l’utilizzo.

Da pochi giorni la stessa interpretazione automatica è divenuta la base di partenza per una ricerca sull’effettiva validità di un responso basato sulla forma della mano che, dell’intera lettura della mano, è una delle componenti più facilmente oggettivabili con una serie di misure.

Ho infatti ideato una metodologia di verifica, in modo da riuscire in prospettiva a rendere le indicazioni più aderenti alle evidenze sperimentali.

Chi decide di partecipare alla verifica, dopo aver misurato le varie parti della mano, è chiamato a esprimere la sua opinione su di un “responso sperimentale”, prima di ottenere l’usuale responso come in precedenza.

(altro…)